Nexi, azienda di pagamenti digitali, semplifica il processo per l’accredito delle prestazioni straordinarie Inps previste dal decreto Cura Italia

Nexi, la paytech leader nei pagamenti digitali nel nostro Paese, realizza una soluzione che consente alle banche di verificare la correttezza delle coordinate bancarie comunicate all’Inps dai cittadini per il pagamento delle prestazioni, facilitando così il processo di accredito senza doversi recare presso gli sportelli bancari e dell’Inps stessa. Grazie alla collaborazione di Nexi con Inps e le banche, è possibile gestire in modo veloce e digitale le misure previste dal decreto legge “Cura Italia”, consentendo la verifica in remoto dei dati indicati dai cittadini per il pagamento delle prestazioni”. È quanto si legge in una nota pubblicata dalla società, che offre servizi di pagamento digitali.

Il digital banking solutions director di Nexi, Renato Martini, commenta ”questa soluzione sarà a disposizione delle oltre 150 banche partner di Nexi, agevolando la gestione delle richieste dei cittadini che, a seguito dell’emergenza sanitaria in corso, stanno ricevendo il pagamento delle prestazioni Inps, come la cassa integrazione o i 600 euro di sostentamento all’occupazione previsti dal decreto Cura Italia”. ”Nelle prossime settimane moltissimi italiani richiederanno l’erogazione di contributi non pensionistici a Inps. Per consentire alle banche di gestire al meglio l’emergenza, in poche settimane dall’emanazione del decreto, abbiamo messo a punto un nuovo sistema, che permette loro di accelerare e semplificare il processo di accredito per milioni di cittadini”.