CISAL IN COSTANTE CRESCITA: RAPPRESENTATIVITA’, CNEL, CIV, TRIPLETTA NELL’ANNO DEI FESTEGGIAMENTI DEL 60° COMPLEANNO.

Il 23 ottobre scorso la Confederazione CISAL ha festeggiato il 60° anno dalla sua nascita. “Non scontro ideologico, ma ruolo paritario tra lavoro e capitale nel pieno rispetto della dignità umana e professionale dei lavoratori”. È questo lo slogan che ha caratterizzato i lavori del Consiglio Nazionale della Confederazione convocato a Rimini. La CISAL rinnova […]

Pubblicato il 23/12/2017

REDAZIONE

cisal

Il 23 ottobre scorso la Confederazione CISAL ha festeggiato il 60° anno dalla sua nascita.
“Non scontro ideologico, ma ruolo paritario tra lavoro e capitale nel pieno rispetto della dignità umana e professionale dei lavoratori”. È questo lo slogan che ha caratterizzato i lavori del Consiglio Nazionale della Confederazione convocato a Rimini.
La CISAL rinnova la scelta di “libertà e indipendenza al fianco dei lavoratori, grazie all’autonomia del sindacato dalla politica”.
Il Segretario Generale Cavallaro, nella sua relazione, ha riassunto le tesi della CISAL, in particolare su temi quali: la riforma della legge Fornero, che continua a manifestare i suoi devastanti effetti creando squilibri inaccettabili, la grave piaga della disoccupazione giovanile, la riforma del pubblico impiego, l’esigenza di una vera riforma del fisco senza la quale ogni altra riforma finisce per essere inefficace. La crisi finanziaria è infatti acuita da un debito pubblico sempre in crescita, rappresentando una palla al piede di un Paese incapace di drenare risorse significative dalla lotta all’evasione fiscale.
Una lunga fase di crisi, che ha messo in ginocchio migliaia di imprese, cancellando posti di lavoro, spesso senza che a fronteggiare tali difficoltà fossero avviate efficaci politiche del lavoro e del welfare da parte di governi spesso distanti dai reali bisogni dei cittadini.
In questa situazione sono entrati in crisi anche alcuni valori ed alcune istituzioni e tra queste anche il sindacato, in particolare quelli ispirati e, purtroppo spesso, utilizzati e strumentalizzati dai partiti ai soli fini elettorali.
Un mare in tempesta nel quale la CISAL, anche in virtù della forza della propria autonomia, è riuscita sempre a tenere la barra dritta costituendo una certezza per quanti, lavoratori o pensionati, si ritrovano quotidianamente a combattere per la difesa dei propri diritti e la ricerca di nuove opportunità.

La CISAL, quindi, oltre al suo anniversario, può in questo 2017 festeggiare anche una riconosciuta rappresentatività confederale nel Pubblico Impiego, grazie alla presenza nei Comparti delle Funzioni Centrali (con la Federazione Intesa FP in cui è la Fialp Cisal) e  delle Funzioni Locali (con la Federazione CSA Regioni e autonomie locali). Punti di riferimento, poi, sono la DIRSTAT-FIALP e Confedir per la rappresentatività nell’Area delle Funzioni centrali (Dirigenza).

La CISAL, poi, ottiene il riconoscimento tra le Confederazioni maggiormente rappresentative da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri e, quindi, la designazione nel CNEL del suo Segretario Generale Francesco Cavallaro, per il quinquennio 2017-2022. La CISAL, così, potrà avanzare le proprie proposte attraverso quel Consiglio. Tale riconoscimento, ricorda il Segretario Generale, giunge al termine di un lungo e particolarmente significativo percorso di crescita dell’organizzazione, misurato non solo dal numero di iscritti ma anche dai contratti firmati e dalle controversie di lavoro gestite, dando anche qualità al livello di rappresentatività.

Nei giorni scorsi la Confederazione ottiene la conferma del riconoscimento della CISAL nel CIV dell’INPS. Infatti, con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 14 dicembre 2017 è stato rinnovato il Comitato di Indirizzo e Vigilanza dell’Istituto Nazionale di Previdenza. La CISAL sarà rappresentata dal Segretario Confederale Walter De Canditiis. La conferma della CISAL nel CIV dell’INPS, che è, dopo il CNEL, il più importante organo istituzionale al quale sono ammessi i Sindacati dei Lavoratori, rappresenta un ulteriore significativo riconoscimento della rappresentatività sindacale della Confederazione. Un’attestazione che arriva dopo una approfondita istruttoria da parte del Ministero del Lavoro e della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Infine riportiamo come il percorso di crescita della CISAL si manifesti anche sul fronte organizzativo, citando, tra le altre l’adesione alla Confederazione della FABI (Federazione Autonoma Bancari Italiani). La comune matrice Autonoma ha fatto si che la FABI potesse riconoscersi nei valori che da sempre ispirano I’azione sindacale della CISAL, consentendo altresì a quest’ultima di poter identificare nella FABI. la più credibile e affidabile federazione del settore Credito e Assicurazioni dove è riconosciuta quale sindacato maggiormente rappresentativo, partner di ABI e FEDERCASSE e firmataria di numerosi CCNL di categoria.

Confidiamo che con l’impegno di tutti i responsabili sindacali ai vari livelli territoriali o nazionali, aziendali di categoria o confederali la crescita della CISAL continui anche nel 2018.

2017 - 06

IN QUESTO NUMERO: